Crea sito

I sindaci dell'area vesuviana chiedono la riapertura della SARI

novembre 17, 2010

Ambiente, News

Riceviamo e pubblichiamo il documento firmato dai 18 sindaci dell'area vesuviana indirizzato al governatore della Campania Stefano Caldoro, al presidente della provincia di Napoli Luigi Cesaro e al prefetto di Napoli per la riapertura della discarica cava SARI a Terzigno. E' l'ennesimo atto di sciacallaggio dei sindaci dell'area vesuviana (vi ricordate la proposta del sindaco di Somma Allocca?) che prendono a pretesto una parte dei risultati delle analisi effettuate nella falda acquifera sottostante cava Sari.  Dai risultati delle analisi è emersa la presenza di metalli pesanti nei pozzi, anche se per i tecnici dell'Arpac "il dato è meritevole di ulteriori indagini perché non è chiara la fonte dell’inquinamento che potrebbe anche non essere riconducibile alla discarica". I nostri sindaci, preoccupati per la nostra salute, non hanno intenzione di aspettare ulteriori analisi e fregandosene dei danni provocati sinora alla popolazione e al territorio del Parco Nazionale del Vesuvio invocano un intervento dei presidenti di regione e provincia per riaprire la discarica e ricominciare a sversare.  Fino a 10 giorni fa si organizzavano manifestazioni e serrate per difendere (a chiacchiere) il Vesuvio e la salute dei suoi cittadini, oggi si invoca la riapertura della discarica per continuare ad inquinare i territori e ad avvelenare la popolazione.
 

Ecco il testo firmato dai sindaci:
 

Documento Sindaci del Vesuviano
Documento Sindaci del Vesuviano2

Documento Sindaci del Vesuviano3
Documento Sindaci del Vesuviano4

Be Sociable, Share!

One Response to “I sindaci dell'area vesuviana chiedono la riapertura della SARI”

  1. albertk Says:

    Continua lo scempio del territorio e lo schiaffo alle richieste della comunità.
    Noi siamo sempre stati convinti che i proclami dei sindaci erano di sola derivazione populista e opportunismo politico.
    E' bene che questa gente venga rimossa al più presto da un largo consenso elettorale.
    Non possiamo più permettere e permetterci che tali politici continuino nella loro opera distruzione, di collusione, di convenienza.
    Spero vivamente che i cittadini capiscano una volta per tutte che non conviene più votare il parente, votare in cambio di un palo dell'illuminazione nella propria strada o in cambio del 600 euro del servizio civile, se poi i risultati sono questi.
    Fatevi due calcoli : vi conviene o meno?
    Noi da circa 4 anni i calcoli ce li siamo fatti bene e da circa 4 anni cerchiamo di sensibilizzare la popolazione affinchè si riparta da persone che abbiano un minimo di senso civico, onestà e coerenza politica. Noi ci crediamo e continueremo nella nostra azione. Mi auguro che i cittadini ne prendano atto e facciano la loro parte.

    Reply

Leave a Reply