Crea sito

“The sound of da police” – 2° appuntamento Cineforum 2011 – Lunedì 4 Luglio

luglio 3, 2011

Cineforum, Iniziative, News

The sound of da police – Cineforum estivo 2011

Via Zara 7 – San Giuseppe Vesuviano

Lunedì 4 Luglio 2° appuntamento
con la proiezione di:
“Cani Arrabbiati” 

di Mario Bava – Italia 1974, 94 min.

Con Riccardo CucciollaLea LanderMaurice PoliDon BackyGeorge Eastman.

Claustrofobico incubo on-the-road, questo titolo segna una decisa virata verso il realismo da parte del più osannato tra i maestri dell’horror italiano: Mario Bava. Poco nota in patria perchè edita due decenni dopo la realizzazione, l’opera si presenta come un concentrato di cruda violenza, colpi di scena e feroce bastardaggine: cocktail votato all’intrattenimento in grado di fare cassa all’epoca quanto di ispirare i massimi esponenti del prolifico filone/carrozzone del pulp moderno. Inutile quanto imbarazzante sottolineare le assonanze tra “Rabid Dogs” (questo il titolo inglese) e “Reservoir Dogs” (Le Iene) di Tarantino, che si può considerare a ben donde un ispirato ed ironico remake del film di Bava.
Quattro delinquenti rapinano una banca ma qualcosa va storto, la polizia interviene e uno di loro viene ucciso. I tre rimasti riescono in qualche modo a fuggire in auto con il bottino ed a prendere in ostaggio un uomo, un bambino ed una donna. I membri della banda si chiamano tra loro con dei soprannomi: “il dottore” è il cervello del gruppo mentre “bisturi”, esperto di lame, e “32”, concorrente diretto del mitico John Holmes in quanto a centimetraggio, sono sgherri da bassa macelleria. Tra caselli e autogrill, in corsa continua sulle autostrade italiane, pura bestialità e frizioni interne alla banda porteranno ad esiti imprevedibili. Girato quasi interamente nell’abitacolo di un’auto, Rabid Dogs è duro da digerire, volgare al limite del sopportabile, sporco e sudato come i protagonisti, cani rabbiosi e famelici. Il titolo, affondando le mani nell’improponibile, offre un intrattenimento malsano ma efficace, scandito da ritmi e sequenze care al cinema di Bava, che non si smentisce nell’esprimersi senza inibizioni di sorta. Sprezzante, disturbante, a tratti insostenibile ritratto dei baratri più profondi della basezza umana, ma anche capolavoro del thrilling di genere.

Be Sociable, Share!
,

No comments yet.

Leave a Reply