Crea sito

Propaganda neofascista

marzo 5, 2009

News

Raccolgo al volo la segnalazione di sasà per mostravi una cosa a mio avviso scandalosa. La rivista "top-girls" che ha come target ragazzine dai 9 ai 15/16 anni ha pubblicato nel mese di febbraio uno "stomachevole" servizio di ben sei pagine che oltre a non nominare le consuetudini di questi gruppi NeoNazisti, come violenza, discriminazione xnefoba.I fascisti vengono anche presentati come  un gruppo di giovani che da un senso alla propria vita, con foto ammiccanti, accenni sui loro vestiti e la loro moda, sui tatuaggi, sugli occhiali da sole.

La violenza? Solo per legittima difesa!
Lo sqadrismo? Si impara ad obbedire!
La donna? È moglie e madre prima di tutto!
Giovane ti senti diverso da questa società alienante (tutti i giovani si sentono diversi)? Allora sei Fascista!

Tra una cazzata e l’altra condita da APOLOGIA DEL FASCISMO (che è reato), foto di ragazzi che mettono a posto librerie, ragazzi che si abbracciano, cinture con le bandiere italiane, tatuaggi fighi.

topgirl6pagineperifascisti1

topgirl6pagineperifascisti2

topgirl6pagineperifascisti3Davvero non sò cosa pensare, davvero in Italia la deriva neo-fascista sta prendendo una brutta piega. Se una rivista che mira ad un pubblico adolescente se non addirittura pre-adolescente(quindi un pubblico indifeso e facilmente influenzabile a seguire "mode" quantomeno nauseanti e repellenti) si permette di pubblicare un servizio del genere, presentando i fascisti non come un fenomeno anticostituzionale da debbellare ma come una nuova moda da seguire. Sinceramente, invito i genitori delle ragazzine che anche inconsapevolmente comprano questa rivista e magari anche altre riviste del genere di controllarne il contenuto ondè evitare che schifezze del genere si diffondano tra il pubblico più giovane.

Be Sociable, Share!

12 Responses to “Propaganda neofascista”

  1. mezzalasinistra Says:

    Che cesso di giornale. Se fossi un genitore non lo farei + comprare a mia figlia.

    Reply

  2. anonimo Says:

    Spendo poche parole per descrivere quanto penso e nel farlo ringrazio Ciccio Turchetti che si fa promotore della discussione su simili temi.

    Credo che il periodo in cui stiamo vivendo sia fertile per simili fenomeni. La crisi finanziaria e adesso economica, che sta attraversando il mondo, e anche l’Italia, permetterà a fanatismi di questo genere di attecchire più di quanto ci aspettiamo. Erano altri tempi, ma sempre di miseria, quelli in cui il sentimento fascista si innervava nelle menti e nelle mani degli Italiani. Oggi 2009 dinanzi am tentativi di stravolgimento della Carta Costituzionale, della crisi dello Stato sociale e dello Stato di diritto potrebbe essere risposta facile al problema il messaggio di Mussolini e la sua dottrina. Dinanzi al bombardamento mediatico degli stupri dei migranti e delle loro malefatte, l’opinione comune tirerà verso una xenofobia dal sapore balilla.

    Anche “casa nostra” nel coltivare la mentalità camorristica, vi innesta e innesterà concezioni simili a quelle che ci propina questo giornaletto.L’odio per lo straniero, la sub-cultura della denigrazione del diverso, la luce della forza fisica, il branco che si scaglia contro il singolo sono cose che vediamo anche tra le nostre strade: secondo voi non sono figlie della cultura fascista ?

    Concludo questo mio intervento con una proposta: organizzare una manifestazione per il 25 aprile per riportare alta l’attenzione su questi temi e far crescere la cultura dell’antifascismo. Partiamo dalla giornata in cui i partigiani liberarono il paese per ribadire il valore della nostra Carta Costituzionale !!!

    ELIO

    Reply

  3. anonimo Says:

    che schifo…non pensavo che certe cazzate del genere si potessero ancora fare… la gente non sta bene con la testa

    Reply

  4. anonimo Says:

    Purtroppo la propaganda neo-fascista non si legge solo su top girl.

    In parlamento c’è una proposta di legge, n 1360/2008, che istituisce l’Ordine del Tricolore ed equipara i partigiani ai repubblichini di Salò, definendo questi ultimi “combattenti cresciuti nella temperie culturale guerriera e imperiale del ventennio, che ritennero onorevole la scelta a difesa del regime, ferito e languente”. Per entrambi è previsto il conferimento del titolo di Cavaliere del Tricolore e un assegno vitalizio.

    Per capire ancora meglio il clima di revisionismo storico in cui viviamo penso sia utile ricordare anche le polemiche suscitate, in occasione della commemorazione per il 65 anniversario della difesa di Roma, dalle parole del ministro della Difesa Ignazio La Russa: “Farei un torto alla mia coscienza se non ricordassi che altri militari in divisa, come quelli della Nembo dell’esercito della Rsi, soggettivamente, dal loro punto di vista, combatterono credendo nella difesa della patria, opponendosi nei mesi successivi allo sbarco degli anglo-americani e meritando quindi il rispetto, pur nella differenza di posizioni, di tutti coloro che guardano con obiettività alla storia d’Italia”. La risposta di Napolitano in quella occasione fu giustamente intransigente e ne uscì fuori l’ennesimo scontro istituzionale. Scontro che portò anche il Presidente della Camera, Gianfranco Fini, a dichiarare pochi giorni dopo: “ Chi è democratico, è antifascista”. e se lo dice lui…bisogna crederci!!!

    Peccato che certa destra italiana ancora non abbia capito la lezione….

    victor

    Reply

  5. anonimo Says:

    Chiedo scusa all’autore del post per lasciare un commento leggermente fuori tema,ma che secondo me,si collega al clima di tensione che stiamo vivendo.

    Oggi i Tg hanno dato la notizia che il ministero della cultura ha concesso 1,5 milioni di euro per finanziare il film sulla storia del terrorista Sergio Segio,un criminale che si è macchiato tra gli altri dell’omicidio del giudice Alessandrini.

    Apriti cielo,i parlamentari del PDL hanno strepitato che è scandaloso fare un film su di un terrorista che non è neppure pentito.

    Solo che quando mediaset ha trasmesso la fiction ” Il capo dei capi” nessuno ha tenuto niente da ridire,anzi è stato un successo.

    Nessuno ha ritenuto diseducativo mostrare un pendaglio da forca come un’eroe,mentre si grida allo scandalo se si fa un film sulla storia di un terrorista che comunque ha pagato la sua colpa con 22 anni di reclusione e oggi si occupa di attività sociali per il recupero degli ex carcerati.

    Viviamo sempre più in una società ipocrita succube del messaggio mediatico.Oggi chi tiene in mano l’informazione controlla il potere ed indirizza le masse verso determinate politiche con i messaggi pubblicati nel post.

    La domanda è:

    Ma noi cosa facciamo per evitare ciò?

    Saluti a tutti

    MIMMO RUSSO

    Reply

  6. anonimo Says:

    CHE SCASS!

    Reply

  7. anonimo Says:

    PORNOGRAFIA

    correctstyleO

    Reply

  8. portela Says:

    Tutto questo succede ogni giorno….con le reti Mediaset ed in parte anche quelle pubbliche.

    Incide molto di più nelle teste delle ragazzine l’Annullamento Culturale che trasferiscono trasmissioni come Uomini e Donne, il Grande Fratello, Lucignolo, Studio Aperto, che queste sei pagine su una rivista, effettivamente assurda, ma di tiratura irrisoria.

    Ogno giorno, ogni settimana, ogni mese, tutto l’anno…. come una goccia d’acqua modificano il costume, le abitudini, gli acquisti, i VALORI…..

    Alimentano solo il Progetto nefasto dell’Ingegneria Sociale messa in atto dal Brlusca e dai suoi Massoni: L’Annullamento della Cultura, nuda, viva, libera…..!

    Reply

  9. anonimo Says:

    Collettivo…quanto è stato speso per la sagra? …………. e noi nn abbiamo nemmeno+le strade per camminare………

    Reply

  10. anonimo Says:

    che io sappia un 8000 euri solo per la jespica….vox populi

    Reply

  11. anonimo Says:

    Lo so che non c’entra nulla con quest’ argomento, ma vi volevo postare questo link e chiedervi di farlo girare, postarlo sul sito, insomma d far qualcosa, sicuramente rispetto al sottoscritto avete più strumenti a disposizione, ricordo che l’argomento ambiente vi sta molto a cuore, quindi….smuovete un pò di anime.. a me la notizia mi ha un pò sconcertato……dio mio ma è possibile che qui si può fare tutto? ma..impossible is nothing era lo slogan dell’adidas, o è lo slogan con cui si descrive la regione campania?

    questo è il link:

    http://vicoequenseonline.blogspot.com/2009/03/pompa-di-benzina-al-posto-degli-aranci.html

    Grazie.

    Reply

  12. anonimo Says:

    apologia fascista reato? ma come prima fate tanto i no-global e vi scagliate contro le istituzioni poi vi lagate se non arrestano la gente… a infami!

    Reply

Leave a Reply