Crea sito

Inaugurata “Libri in circolo”, biblioteca sociale. L’iniziativa di Vocenueva e LP: prestito libri e aula studio per tutti i cittadini

Inaugurata “Libri in circolo”, biblioteca sociale. L’iniziativa di Vocenueva e LP: prestito libri e aula studio per tutti i cittadini

Nel numero di LP di aprile 2015 abbiamo denunciato la chiusura della biblioteca comunale, in seguito al trasferimento dell’ufficio anagrafe presso i locali del vecchio Comune. Una decisione che aveva provocato numerose proteste, non solo per la chiusura della biblioteca ma anche per la nuova collocazione dell’Anagrafe, uno dei servizi con maggiore affluenza di pubblico ora costretto negli spazi inadeguati della vecchia casa comunale.

Lo scorso ottobre, LP ed il Collettivo Vocenueva hanno avviato “Libri in circolo”: un’iniziativa per protestare contro la chiusura della biblioteca e per promuovere la lettura e la cultura nel nostro paese. L’iniziativa – uno scambio di libri “al buio” – si è svolta due domeniche in Piazza Garibaldi ed ha riscosso grande successo, soprattutto tra più piccoli. Anche per questo abbiamo deciso di portarla avanti, perché crediamo che la battaglia per una biblioteca comunale sia necessaria e perché siamo convinti che l’amministrazione non possa esimersi dall’affrontare il problema.

Sul sito web del comune, alla voce “Biblioteca”, sono riportate le seguenti informazioni: “la Biblioteca “G. Bovio” è uno spazio culturale e sociale, luogo di incontro tra giovani e meno giovani, dove è possibile leggere quotidiani locali e nazionali, riviste specialistiche, utilizzare le sale studio, fare ricerche, attingere alla fornita biblioteca periodicamente aggiornata; gli orari di apertura sono il lunedì dalle 15:00 alle 18:00 e il mercoledì e il venerdì dalle 10:00 alle 13:00”. È inoltre previsto il prestito libri. Tutti i servizi sono gratuiti, il problema è che oramai la biblioteca esiste soltanto sul sito web del Comune. Proprio così: dopo una decisione così discutibile, non si è avuta nemmeno la decenza di eliminare la sezione. La situazione purtroppo è ferma a due anni fa: la biblioteca resta chiusa, con buona pace dei cittadini (e delle promesse dell’amministrazione) e i libri trasferiti presso l’ex scuola Marciotti (chiusa anche questa).

In segno di protesta contro la decisione dell’amministrazione e per proporre una nostra idea di cultura, condivisa e gratuita, il 10 dicembre abbiamo inaugurato, presso la sede di via Murialdo, 7 (Parco Ambrosio), “Libri in circolo – Biblioteca sociale” . Un piccolo spazio nel centro cittadino di San Giuseppe Vesuviano, dove poter studiare (c’è anche il collegamento wi-fi e un videoproiettore) e consultare i volumi della biblioteca che, dopo poche settimane, può contare già su oltre 500 volumi. Tutti i libri sono frutto di donazioni di cittadini che hanno creduto nel progetto. In pochi giorni, si è proceduto alla catalogazione dei libri, al montaggio delle scaffalature, e alla redazione di un regolamento utile al prestito bibliotecario. Per rendere più facile la consultazione dei volumi e individuare con più facilità quelli di interesse, sono state scelte nove macrocategorie: bambini e ragazzi,fantasy,fumetti, area generale, letteratura, romanzi, storici, stranieri e thriller. I titoli vanno dai classici a testi specialistici e il catalogo è disponibile on line (vedi i riferimenti alla fine dell’articolo, ndr). Certo, l’iniziativa non potrà supplire alla mancanza di una struttura pubblica con una dotazione certamente più adeguata, ma è la dimostrazione di quanto si possa realizzare con molta volontà, seppur con poche risorse.

Ma come poter accedere al prestito bibliotecario? Niente di più semplice. È sufficiente effettuare la registrazione e fare una donazione simbolica di 1 euro. Il ricavato verrà utilizzato per ampliare il catalogo con l’acquisto di nuovi titoli. È inoltre possibile donare dei libri, perché è grazie alla condivisione che la biblioteca potrà continuare a crescere. Abbiamo costruito con tutte le nostre forze uno spazio che l’amministrazione Catapano ha chiuso per disinteresse. Crediamo, infatti, che un Comune come il nostro, che spesso spende denaro pubblico in attività certamente discutibili, debba necessariamente investire in uno spazio dedicato ai giovani e a tutti i cittadini. È una questione di priorità e di lungimiranza. Il nostro auspicio è che su questo aspetto l’amministrazione riveda la propria decisione, ma purtroppo i quattro anni trascorsi ed il progressivo svuotamento dei fondi comunali destinati alla cultura e ai giovani (solo 5.000 euro negli ultimi due anni) non lasciano troppo spazio alla speranza.

Scarica LP n. 38 in pdf, è gratis!

Ringraziamo tutte le persone che hanno donato i libri, contribuendo a realizzare la biblioteca. Per ricevere informazioni sugli orari di apertura dell’aula studio e per il prestito, occorre iscriversi al gruppo Facebook “Libri in circolo – Biblioteca sociale” oppure scrivere una mail a [email protected] 

Be Sociable, Share!
, ,

No comments yet.

Leave a Reply